Vai al contenuto

Gli utenti che conoscono il tuo marchio e i tuoi prodotti presentano maggiori probabilità di conversione e engagement. In media, il 96% degli utenti alla prima visita lascia i siti Web senza acquistare niente e il 70% degli acquirenti inserisce prodotti nel carrello senza procedere all'acquisto.* 

Il remarketing sui motori di ricerca offre agli inserzionisti una seconda occasione per attirare e convincere questo pubblico prezioso ad acquistare.

Al termine di questo modulo formativo, sarai in grado di:

  • Utilizzare la funzionalità Universal Event Tracking (UET) per taggare il tuo sito e abilitarlo al remarketing.
  • Creare un elenco di remarketing personalizzato.
  • Associare elenchi di remarketing a gruppi di annunci.
  • Ottimizzare offerte e gruppi di annunci per il remarketing.
  • Gestire i tuoi elenchi di remarketing con un nuovo set di API.

* Forrester, Understanding Shopping Cart Abandonment, maggio 2010

Come funziona il remarketing sui motori di ricerca?

Prima di poter definire il tuo pubblico target utilizzando gli elenchi di remarketing, devi configurare la funzionalità Universal Event Tracking (UET) in modo che Bing Ads possa raccogliere dati dal tuo sito Web. La funzionalità Universal Event Tracking (UET) è uno strumento potente in grado di registrare le attività dei clienti sul tuo sito Web. Il monitoraggio UET segue gli obiettivi di conversione e crea gruppi di destinatari al posto tuo, offrendoti tutto ciò che ti serve per il remarketing sui motori di ricerca.

Per cominciare, devi creare un solo tag UET e aggiungerlo alle pagine del tuo sito Web. Questo tag registra le attività degli utenti sul tuo sito Web e in base ai parametri che avrai definito, inserisce gli utenti in elenchi di remarketing (ad esempio, utenti che hanno visitato la Home page, utenti che sono arrivati alla pagina di conferma acquisto, e via dicendo). Quando questi utenti effettuano ricerche sul Bing Network, puoi avvalerti di un'offerta personalizzata per loro e fare in modo che visualizzino un annuncio ad hoc.

Dopo avere aggiunto il tag UET al tuo sito Web, puoi iniziare a definire e creare elenchi di remarketing in base a una particolare attività dell'utente.

Nota: se inserisci il tag in tutto il sito (Web e mobile), avrai più possibilità di definire e creare gruppi di destinatari target.

Creazione di un elenco di remarketing

Bing Ads ti offre un'ampia gamma di opzioni di targeting che ti permettono di entrare in contatto con il tuo pubblico ideale al momento giusto e con il messaggio giusto. Oltre al targeting per ora del giorno, area geografica, dati demografici e dispositivo, il remarketing ti offre un targeting basato sulle attività svolte dagli utenti. Questo significa che è possibile impostare come target gli utenti che hanno visitato la Home page o la pagina di una categoria di prodotto specifica, e persino gli utenti che hanno riempito un modulo lead o che hanno abbandonato il carrello acquisti.

Visitatori generici: utenti che hanno visitato una pagina qualsiasi del tuo sito Web. Questo è di solito uno degli elenchi più grandi perché include ogni persona che abbia espresso un interesse nei confronti della tua azienda visitando il tuo sito.

  • Crea un elenco di remarketing che includa tutti i visitatori di ogni pagina del sito, indicando che l'URL contiene il tuo dominio. Ad esempio: le persone che hanno visitato una qualsiasi pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com"

Visitatori per prodotti: utenti che hanno visitato pagine specifiche del tuo sito o cercato prodotti specifici.

  • Crea un elenco di remarketing che includa tutti gli utenti che hanno visitato la pagina di una categoria di prodotto specifica il cui URL contiene la definizione del prodotto. Ad esempio: le persone che hanno visitato una pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com/scarpe"

Abbandoni del carrello o del modulo lead: utenti che inseriscono prodotti nel carrello e non completano l'acquisto o compilano un modulo lead e non lo inviano. Questi visitatori rappresentano uno dei potenziali di vendita più preziosi.

  • Crea un elenco di remarketing che includa tutti gli utenti che hanno inserito articoli in un carrello o iniziato a compilare un modulo lead, e che escluda quelli che invece hanno completato un acquisto o inviato un modulo lead. Ad esempio: le persone che hanno visitato una pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com/carrello", ma non hanno visitato un'altra pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com/grazie".

Conversioni recenti: utenti che hanno completato un acquisto o inviato un modulo lead. Questi visitatori rappresentano un'opportunità di cross-selling o up-selling di altri prodotti.

  • Creare un elenco di remarketing per tutti coloro che hanno completato un acquisto o inviato un modulo lead. Ad esempio: le persone che hanno visitato una pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com/grazie"

Visitatori fedeli: visitatori abituali che rappresentano i tuoi attuali e potenzialmente migliori clienti.

  • Creare un elenco di remarketing per tutti coloro che hanno visitato le pagine con programma fedeltà del proprio sito Web, se disponibili. Ad esempio: le persone che hanno visitato una pagina con condizione: URL che contiene "miosito.com/raccoltapunti".

Associazione di elenchi di remarketing a gruppi di annunci

Le campagne di remarketing sui motori di ricerca possono aiutarti a raggiungere diversi obiettivi, come:

  • Indurre gli utenti alle azioni che consideri preziose per la tua attività commerciale (ad es. le conversioni e le iscrizioni al sito).
  • Migliorare il ROI.
  • Vendita incrociata (cross-selling) e multipla (up-selling) ai clienti.

Dopo che i tuoi elenchi di remarketing sono stati creati e hanno cominciato a popolarsi di utenti qualificati, è importante associare gli elenchi ai gruppi di annunci in modo che possano essere processati.

È possibile raggiungere i suddetti obiettivi agganciando gli utenti selezionati tramite la combinazione delle strategie elencate di seguito.

Aumento delle offerte

Puoi aumentare le tue offerte fino a +900% per gli utenti che hanno abbandonato un carrello o iniziato a compilare, senza inviarlo, un modulo lead, perché questi sono clienti molto preziosi.

Puoi aumentare le tue offerte del 200% nella tua pagina di ringraziamento. O del 100% sulla pagina di una categoria di prodotto, o del 50% sulla tua Home page.

È possibile personalizzare gli annunci e le pagine di destinazione.  Ad esempio, pubblicare un annuncio con un'offerta o uno sconto può aumentare le probabilità di conversione di un utente che ha già visitato la pagina di una categoria di prodotto sul tuo sito.

Personalizzazione degli annunci

Quando si creano elenchi di remarketing, è possibile pubblicare annunci personalizzati per ciascun segmento di pubblico definito. Pubblicare diversi testi di annuncio, estensioni e/o pagine di destinazione può essere un ottimo modo per vendere altri prodotti in cross-selling e up-selling a un pubblico specifico. Ad esempio, un rivenditore ha creato un elenco di remarketing per gli utenti che hanno di recente acquistato scarpe da running. Il rivenditore può quindi pubblicare per questi utenti un annuncio per il cross-selling di abbigliamento da running o con uno sconto per il loro prossimo acquisto.

Per cominciare:

  • Crea una nuova campagna e/o un gruppo di annunci che abbia come target solo gli utenti presenti nel tuo elenco di remarketing.
  • Crea annunci e/o pagine di destinazione univoche per questo elenco di remarketing.
  • Aumenta l'offerta per assicurarti che gli annunci personalizzati siano pubblicati nei risultati di ricerca del tuo pubblico selezionato.
  • Segui il rendimento della campagna e fai tutte le modifiche che ritieni necessarie.

Le API (Application Programming Interface) ti aiutano a creare associazioni e a eseguire altre importanti modifiche agli elenchi di remarketing in blocco su tutti i tuoi account. I clienti ora possono gestire i loro elenchi di remarketing con un nuovo set di API.

Per i provider di strumenti, le API sono un mezzo eccezionale per eseguire modifiche alle campagne su tutti gli account. Con le API del remarketing sui motori di ricerca ora puoi:

  • Recuperare gli elenchi di remarketing esistenti.
  • Configurare, acquisire ed eliminare le associazioni degli elenchi di remarketing.
  • Impostare la rettifica di un'offerta per elenchi di remarketing associati.
  • Impostare il targeting su "solo offerta" o "target e offerta".

Impostazioni consigliate per ogni strategia

Per cominciare senza correre alcun rischio, associa i tuoi elenchi di remarketing alle campagne esistenti configurate in Solo offerta senza rettificare le offerte. In questo modo, potrai valutare la quota di impressioni generata dagli utenti presenti nei tuoi elenchi di remarketing e il loro rendimento (CTR, tasso di conversione, ecc.). In base al rendimento dei tuoi elenchi di remarketing, puoi scegliere se rettificare le offerte, personalizzare gli annunci o ampliare le parole chiave.

Riepilogo

Il remarketing sui motori di ricerca ti consente di migliorare il ROI ottimizzando le campagne per gruppi di destinatari specifici, come gli utenti che hanno già visitato il tuo sito Web.

Punti da ricordare:

  • Applica il tag UET in tutto il tuo sito Web (per PC e mobile).
  • Crea e segmenta gli elenchi di remarketing che ritieni più preziosi per la tua attività commerciale.
  • Prova ad associare gli elenchi di remarketing a gruppi di annunci senza rettificare le offerte.
  • Aumenta l'engagement del tuo pubblico selezionato adottando diverse strategie, come l'ampliamento delle parole chiave e la personalizzazione dei testi degli annunci e delle offerte.
  • Segui e controlla elenchi di remarketing e gruppi di annunci, ed esegui le modifiche più opportune per raggiungere i tuoi obiettivi commerciali.

Grazie per avere letto questo modulo formativo sulla qualità dei clic.  Continua la formazione o sostieni l’esame per diventare un Professionista Accreditato Bing Ads.

Alcune funzionalità descritte in questo modulo formativo potrebbero non essere disponibili in tutti i mercati.